Guadagnare su Instagram con le affiliazioni? Ecco come fare! – Vivere Smart

Guadagnare su Instagram con le affiliazioni? Ecco come fare!

Il segreto del successo di Instagram è sicuramente il passaggio dal contenuto testuale dei post a quello visuale delle foto. E se c’è una domanda che viene in mente a noi utenti scorrendo il feed è proprio come facciano gli influencer a guadagnare con i social

Lavorare con instagram è possibile, e grazie al sistema di promozione messo su da Zuckerberg è anche molto semplice. Il metodo migliore per monetizzare sui propri contenuti è la sponsorizzazione di prodotti oppure l’affiliazione con commissione. Se siete curiosi di capire come funzioni continuate a leggere!

Cos’è l’affiliate marketing?

Quando si parla di affiliazione ci si riferisce ad una modalità di vendita basata sulla performance nell’attirare più clienti possibili verso un prodotto che non sia proprietà di chi lo sponsorizza. Nei programmi di affiliazione è prevista una commissione sulle vendite e vi prendono parte due figure:

  • L’inserzionista o venditore, che è proprietario di un negozio o online o meno paga una percentuale di fatturato agli affiliati che portano vendite;
  • L’affiliato, che è un blogger o influencer che si iscrive al programma e sponsorizza i prodotti ai propri followers. 

Chiaramente più l’affiliato avrà successo e più guadagnerà, ammesso che il prodotto sia venduto esclusivamente grazie al suo intervento. 

Che cambia tra affiliazione e sponsorizzazione? 

La sponsorizzazione ha un costo iniziale da parte del venditore, l’iscrizione ai piani di affiliazione è gratuita. Il lato negativo dell’affiliazione è che non ci sono banner invasivi come invece previsto dalle pubblicità, ma solo link e pulsanti più discreti. 

Quali settori investono su Instagram

Come detto prima instagram basa il suo funzionamento sulle visual dei followers dei vari affiliati. Un programma di affiliazione può essere efficace sia per affiliati con 1000 followers che per influencers con 15k o più seguaci. I settori in cui il servizio è più proficuo sono:

  • Moda, sponsorizzata dagli affiliati che presentano outfit molto curati per permettere ai followers di interessarsi e, di conseguenza, acquistare;
  • Viaggi, che coinvolgono i followers in avventure che desiderano fare e che, si spera, acquisteranno tramite l’affiliato;
  • Bellezza, come per la moda l’influencer testa il prodotto ed invoglia i followers ad acquistarlo.

Come si guadagna affiliandosi con Instagram?

La parola d’ordine è strategia, accompagnata da un pizzico di costanza. Monetizzare con instagram è semplice se si conoscono le regole scritte e non per aumentare la propria visibilità. L’importante è essere chiari e diretti, trucchetti essenziali per attirare l’attenzione degli utenti. 

Gli introiti frutto delle affiliazioni non possono essere considerati un’entrata fissa passiva, è importante ricordare che il guadagno dipende dalle vendite. Più prodotti saranno venduti alla fine del mese e più commissioni entreranno nelle casse dell’affiliato. 

Come avere tanti followers

Il concetto più importante da ricordare quando si lavora online è quello di identità, l’aspetto e lo stile comunicativo devono essere strettamente legati al nostro profilo. Gli utenti devono avere in mente un’idea del nostro personaggio che possano ricordare quando fanno acquisti o quando si trovano sul feed a fare un giro. A chi non è capitato di vedere la storia di personaggiox e pensare “Uh, guarda chi c’è”. Ecco, gli utenti devono avere l’impressione di conoscervi per potersi fidare del vostro parere riguardo ad un prodotto. 

Vero è che molti programmi non accettano collaborazioni con profili che non abbiano raggiunto un certo numero di followers, ma questo non significa che sia impossibile raggiungere i requisiti. Basta cercare bene, creare una propria identità ed affidarsi ai programmi giusti. 

Chi può dire che tra i nostri lettori non ci sia la prossima Chiara Ferragni? Alla prossima!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.