Spotify denuncia la Apple per concorrenza sleale, in arrivo la sentenza! – Vivere Smart

Spotify denuncia la Apple per concorrenza sleale, in arrivo la sentenza!

Dopo ben tre anni dalla denuncia che Spotify ha sporto nei confronti di Apple la sentenza è in arrivo. Pare che le indagini di Antitrust abbiano richiesto molto più tempo del previsto ma ora ci siamo, l’Unione Europea annuncerà la sua decisione nei prossimi giorni

Perchè Spotify ha denunciato Apple?

Spolveriamo un po’ vecchie asce di guerra. Nel 2019, Apple, ha deciso di imporre una commissione del 30% su tutte le App presenti sull’Apple store acquistate tramite ApplePay. Inoltre gli sviluppatori non avevano nemmeno la possibilità di inserire anche metodi di pagamento per loro più convenienti, e questo a Spotify non è andato giù. 

Infatti ha accusato Apple di limitare la concorrenza sui propri dispositivi, soffocando l’innovazione del settore pagamenti e promuovendo App come Apple Music piuttosto che la stessa Spotify.

Cosa ne pensa Apple?

Secondo Apple per anni il concorrente dal logo verde si è trovato in una posizione di privilegio grazie all’ecosistema Apple, espandendosi esclusivamente grazie ad esso. Cupertino ha precisato che la commissione del 30% viene applicata solo durante il primo anno e che poi scende al 15%, dettagli non menzionati dal servizio di streaming musicale. 

Quali sono le previsioni legali per Apple?

Ad anticipare la sentenza Antitrust, che pare essere in dirittura d’arrivo, è il Financial Times. L’annuncio sarà tenuto da Margrethe Vestager entro la fine della settimana e punterà i riflettori sulle regole di App Store ritenute contro le leggi sulla concorrenza UE. Purtroppo non saranno indicate le azioni intraprese, quello che sappiamo è che potrebbe trattarsi di una multa o di un obbligo di cambiamento nelle funzioni di App store in Europa (o, perchè no, entrambe le cose).

Non sappiamo molto altro al momento, ma le cose cambieranno presto! restate sintonizzati per sapere tutte le novità, alla prossima!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.