Truffe online, come evitarle e come proteggersi – Vivere Smart

Truffe online, come evitarle e come proteggersi

Inutile nascondercelo, le truffe online non moriranno mai. I trucchi dei malfattori del web si evolvono continuamente nel tentativo di raggiungere sempre più utenti.

Le truffe sul web possono essere fermate?

A niente sono servitigli interventi delle forze dell’ordine, i criminali del web non smettono di mietere vittime. Falsi biglietti di concerti, spedizioni mai avviate, furto di dati e chi più ne ha più ne metta. Il loro successo deriva dalla poca educazione informatica al riguardo, perché conoscere il fenomeno ci aiuta a proteggerci da esso. Per questo Cisco, leader nelle tecnologie di cybersecurity, ha stilato una lista delle minacce online più diffuse.

Phishing, cosa è e come si combatte

È quello che comunemente viene definito come furto dei dati. Si incorre in questo fenomeno quando, in buona fede, cediamo dati come username, password e altre informazioni a dei siti, o magari dopo aver ricevuto una mail che ci è sembrata affidabile. Quando questo accade i nostri dati vengono usati per scopi malevoli, o peggio vengono messi a disposizione del web intero.

Mail false e furto di dati sensibili, come proteggersi

In questo tipo di truffa spesso la vittima viene minacciata di subire pesanti sanzioni a causa di un mancato pagamento. Ovviamente nessuna di queste due cose sarà mai vera, e sicuramente non necessiterebbe di mail e password. Eppure molte vittime inconsapevoli cedono alla paura, e in risposta mandano i dati richiesti.

Come riconoscere una mail falsa?

Riconoscerle è semplicissimo, basta stare molto attenti ai dettagli:

  • Controllate l’indirizzo e-mail, se dovesse trattarsi di una truffa questo sarà nettamente diverso dal nome del mittente;
  • Cercate il vostro nome, i truffatori raramente lo useranno nel testo, piuttosto useranno frasi generiche come “Caro cliente”. Le aziende affidabili usano sempre nome e cognome, soprattutto per questioni economiche;
  • Osservate bene il link al quale vi si chiede di accedere, se non riporta il nome dell’azienda o vi sembra sospetto non ciccatelo nemmeno;
  • Se la mail pullula di errori grammaticali al 100% sarà falsa;
  • In generale non rispondete mai a delle mail che chiedano informazioni personali, di sicuro sarà falsa;

Packaging e invoice spam, come riconoscerli?

Se non ricordate di aver mai avuto contatti con il mittente della mail, o di non averne proprio mai sentito parlare, non aprite MAI i file allegati. Potreste scaricare sul vostro pc un trojan Emotet o qualsiasi altro virus. Solitamente la truffa si riferisce ad un pacco in ritardo (che casualmente non hai ordinato), oppure un abbonamento presso un servizio che non conosci. Aprire i file potrebbe mettere a rischio i tuoi dati bancari per cui non fidatevi mai delle e-mail.

Truffe sui biglietti online, come non farsi fregare?

È un tipo di truffa in costante aumento, le vittime sono indotte a comprare biglietti che poi si rivelano essere falsi. Purtroppo spesso ci si accorge troppo tardi che il biglietto è contraffatto per cui non permetterà l’ingresso ad alcun evento. Per proteggersi è necessario:

  • acquistare biglietti solo da società conosciute;
  • cercare online il nome dell’azienda seguito da “truffa” per essere sicuri che nessuno sia stato ingannato prima;
  • cercare sul sito web il simbolo del lucchetto che indica un link sicuro;

Digital extortion, la più subdola delle truffe

Si tratta di truffe davvero aggressive, che mirano a spaventare le vittime con minacce pesantissime. Solitamente si ha a che fare con mail minatorie che contengono già il vostro nome e la vostra password, ma quello è il rischio minore ai vostri occhi.

Il testo della mail infatti minaccia di aver raccolto i dati di un sito porno e di aver registrato, tramite il vostro schermo, un video del vostro viso mentre lo usavate. La mail vi minaccerà di inviare questo video a tutti i tuoi contatti, a meno che tu non invii mille euro in bitcoin ad un certo wallet. Inutile dire che sia tutto falso, la mail viene emessa tramite sistemi di botnet Necrus, e i malfattori contano sulla inconsapevolezza dichi le riceve.

Fake crowdfunding, come evitare che la nostra pietà venga sfruttata

Per questa truffa i malfattori fanno pressione sul buon cuore di chi riceve la mail, spacciandosi per gente sfortunata che necessita di aiuto economico. Tramite delle raccolte fondi online chiederanno di versare del denaro. Per cui per proteggerti controlla:

  • se a chiedere denaro è una persona fisica e non un ente certificato non fidarti troppo;
  • la pagina di destinazione deve essere chiara riguardo all’utilizzo dei soldi, per cosa saranno spesi deve essere specificato;
  • non fidarti delle persone che non conosci sui social, potrebbero includerti in attività scorrette.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.