Wi-Fi extender, come funzionano e come amplificare la connessione – Vivere Smart

Wi-Fi extender, come funzionano e come amplificare la connessione

Più la zona rossa diventa realtà nelle nostre regioni, più la linea internet in casa diventa una necessità. Non è possibile stare senza anche per un minuto fuori casa e dentro casa. 

Perchè il Wi-Fi non funziona al meglio?

Non sempre però la rete è abbastanza forte per raggiungere tutti i punti della casa, anche a causa della presenza di un solo modem. Quando tanti dispositivi si collegano alla stessa rete l’instabilità è all’ordine del giorno, soprattutto quando il modem è posizionato nella stanza meno frequentata della casa, lontano dai punti più comodi.

I problemi della rete Wi-Fi più comuni

Se nonostante questa accortezza i risultati non soddisfano le tue necessità potresti avere uno di questi problemi di rete:

  • Antenne del modem poco potenti
  • Mura che dividono il modem dal device che deve connettersi troppo spesse
  • Area da coprire troppo ampia
  • Segnale WiFi disturbato da altri apparecchi elettronici, oppure da altre reti WiFi

Se incorre uno di questi problemi sarete costretti a trovare un’altra alternativa, ma tranquilli: non dovrete donare la vostra eredità in cambio di un segnale più potente

Come rendere più veloce il Wi-Fi

Un piccolo consiglio per migliorare la qualità di rete

Come vi abbiamo anticipato una delle cause principali di instabilità di segnale è la posizione del modem in casa. Può sembrare banale ma ci sono tante variabili che ne condizionano il funzionamento che partono dalla qualità del dispositivo.

Si consiglia di mettere il modem in un punto centrale dell’abitazione, così che possa trovarsi ugualmente distante da tutte le stanze. 

Wi-Fi Extender, tanti piccoli modem

Quando non si è soddisfatti della propria connessione qualunque cosa si faccia c’è solo una soluzione: trovare il modo di “prolungare” la rete, di estenderla fino alle stanze più lontane della casa. Non è così complesso potenziare la propria rete senza dover incorrere in grandi spese. Basterà infatti acquistare a pochi euro degli “amplificatori di segnale”, se non ne avete mai sentito parlare ecco a voi qualche consiglio. 

Come funzionano i Wi-Fi extender?

I ripetitori WI-Fi sono necessari per estendere il segnale della rete, ma come funzionano? In sostanza il dispositivo riceve il segnale esistente tramite WI-Fi o tramite cavo, poi lo trasmette ad un’altra centralina che funge da amplificatore.  

Montare un extender è difficile? Ecco come fare

Non necessitano di esperienza informatica, anzi, è molto semplice applicarli anche se si è principianti in questo campo. Inoltre non richiedono nemmeno grandi somme di denaro rispetto all’acquisto di un nuovo modem o di un nuovo contratto di rete. Bando alle ciance, cominciamo con i consigli!

Come funzionano i Wi-Fi extender singoli

In questa sezione parliamo di ripetitori singoli, che ricevono il segnale sia via Wi-FI che via cavo ma lo trasmettono solo via Wi-Fi. L’unica cosa a cui bisogna prestare attenzione sono i passaggi della configurazione, che dipendono dalla marca del dispositivo che avete acquistato. 

Come configurare un Wi-Fi extender Xiaomi

Noi vi consigliamo questo prodotto, marcato Xiaomi, economico ed efficace. Installarlo è semplicissimo, vi basterà:

  • Attivare il dispositivo alimentandolo;
  • Aprire l’app MI Home;
  • Selezionare l’extender tra i dispositivi disponibili;
  • Inserire i dati della rete.

Ed il gioco è fatto, adesso la vostra rete sarà amplificata al meglio!

Powerline, un’alternativa efficace

Se non sei ancora soddisfatto puoi optare per un amplificatore a due punti. Il funzionamento è pressoché lo stesso di quello singolo, con una sola differenza, può sia ricevere che dare segnale via cavo. Io vi consiglio i dispositivi Powerline TP-Link, economici e multifunzione.

Come funzionano e come installare i Powerline TP-Link per il WI-Fi

Il funzionamento è molto semplice, diversamente da quello singolo dovrete seguire queste istruzioni:

  • Uno dei due access point va collegato ad una presa di corrente vicina al modem e con un cavo ethernet al router stesso.
  • L’altro access point va collegato nella stanza in cui volete portare il segnale più potente. Potete scegliere se lasciare questo secondo punto libero, come fosse un estensore singolo, oppure collegarlo tramite ethernet ad un altro dispositivo (Pc, Smart TV o quello che sia)

Per “appaiare” i due Powerline dovrai toccare in simultanea il tasto che trovi sulla loro superficie.

Speriamo che questa piccola guida vi sia stata utile e che adesso la vostra connessione rispetti le vostre aspettative, alla prossima!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.